Cerca
  • Avv. Luca Feroldi

Le Sezioni Unite salvano i contratti bancari monofirmatari


Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza 23 gennaio 2018, n. 1653, risolvendo un contrasto giurisprudenziale risalente nel tempo, prendono posizione a favore delle banche facendo salvi i contratti sottoscritti solamente dal cliente.

Intervenendo sul punto, le Sezioni Unite hanno affermato il principio di diritto secondo cui “il requisito della forma scritta del contratto-quadro relativo ai servizi di investimento, disposto dall’art. 23 del D.Lgs. 24.2.1998 n. 58, è rispettato ove sia redatto il contratto per iscritto e ne venga consegnata una copia al cliente, ed è sufficiente la sola sottoscrizione anche dell’investitore, non necessitando anche quella dell’intermediario, il cui consenso ben si può desumere alla stregua di comportamenti concludenti dallo stesso tenuti”.


15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti